Intel Corporation CEO Bob Swan

Bob Swan CEO di Intel Corporation, è il CEO di una società di più di 100.000 dipendenti, il cui business di affari è paragonabile a quello di uno Stato.

I fatti

Dopo la mia reintegrazione a seguito di una causa vinta sono rientrato in Intel.

Subito dopo il mio rientro inizia un continuo mobbing sul lavoro da parte dei miei managers verso di me, con il supporto dell’ufficio del personale, che mi darà provvedimenti disciplinari sulla base di fatti costruiti ad arte da Intel, con il supporto di un consiglio dei lavoratori compiacente.

Intel procede con la sistematica falsificazione dei miei risultati lavorativi, e il sabotaggio di tutte le mie attività lavorative. Un lavoro di preparazione a lungo termine, per il mio licenziamento che avverrà a Ottobre 2018.

Le mie lamentele agli organi di garanzia di Intel, al dipartimento legale, all’ufficio del personale, al general manager di Intel Deutschland GmbH Christin E, sono state ignorate.

Così decido di scrivere al nuovo CEO di Intel, Bob Swan.
La prima email non riceve alcuna risposta. La seconda mail nel giro di qualche mese è altrettanto ignorata.

Nelle mie email descrivo brevemente il mobbing sul posto di lavoro e il sabotaggio di cui sono fatto oggetto da quasi un anno.

Sono mail brevi, per ovvi motivi, il CEO non avrà molto tempo per leggere le mie mail. Mi offro di fornire le prove di quello che dico. Offerta che non interesserà il CEO di Intel Bob Swan, che non reagirà mai alle mie email.

Il CEO di Intel Corporation

Ovviamente, si dirà, egli non ha tempo di leggere le lamentele dei suoi impiegati.

Ma veramente qualcuno scrive al CEO della società per lamentarsi di qualcosa?

Probabilmente non sono tanti.

E cosa deve succedere per dover scrivere ad CEO? Devono essere cose gravissime, proprio per questo sarebbe richiesto l’intervento del CEO.

Nel mio caso stiamo parlando di mobbing organizzato da Intel per farmi fuori. Una procedura studiata a tavolino, preparata in più di un anno di mobbing sul lavoro. Che comprende un ufficio del personale di bassa morale, managers dall’etica inesistente, e un consiglio dei lavoratori compiacente e piegato ai desiderata della società.

Cosa fa fa il CEO di Intel contro il mobbing?

Quindi Bob Swan, CEO di Intel Corporation, cosa fa quando legge una mail in cui gli sì comunica che la società di cui è CEO pratica giornalmente un odioso mobbing verso uno dei suoi impiegati?

Cosa ha fatto Bob Swan non è dato saperlo con certezza. Considerando che il mobbing di Intel è continuato anche dopo le mie email, che la società Intel ha continuato a costruire falsi attorno al mio lavoro, fino al nuovo licenziamento nell’ottobre 2018, la possibile conclusione è una soltanto.

Il CEO di Intel ha ignorato la mia richiesta di intervenire per stoppare il mobbing sul posto di lavoro. Probabilmente ha cancellato la mia email. Una cosa è certa non ho ricevuto risposta da lui da alcuno dei suoi sottoposti.

Il CEO di Intel corporation Robert Bob Swan ignora il mobbing che avviene nella sua società.

La prossima domanda è perché il CEO di Intel ignora il mobbing sul posto di lavoro?

Vediamo due possibili risposte che mi vengono in mente:

  • il CEO di Intel è troppo impegnato con mille cose importanti. Questo ovviamente sottintende che la correttezza, l’etica del lavoro e la legalità dentro Intel siano argomenti trascurabili.
  • il CEO di Intel conosce bene le pratiche di mobbing all’interno di Intel e sa che sono per una “giusta causa”. Per cui ritiene di non dover intervenire.

Una cosa è certa nel non rispondere alle mie email il CEO di Intel, direttamente o indirettamente, tollera e approva il mobbing sul lavoro come legittima pratica lavorativa.

Torniamo indietro

Diamo al CEO di Intel il beneficio del dubbio.

Ammettiamo che non abbia letto le mie email.

E chiediamoci se il CEO legge personalmente le email indirizzate a lui. Forse no, forse ha una assistente che filtra le email. E perché questa assistente avrebbe filtrato una email dal contenuto tanto grave?

E torniamo sempre allo stesso punto: l’assistente sa benissimo che il mobbing sul lavoro è una pratica usata e abusata all’interno di Intel Corporation.

Il codice di condotta di Intel

E il codice di condotta di Intel si dirà?

Il codice di condotta, una mera enunciazione di bei principi etici e morali, che serve a pubblicizzare all’esterno l’immagine di una società Intel attenta all’etica e alla morale.

In realtà il codice di condotta è lontanissimo da una società che ha deragliato verso un abisso di immoralità, che riesce a fare strame di qualsiasi principio etico riconosciuto.

Intel Corporation è una società che disconosce la correttezza e la legalità. Che si fa beffe delle leggi, perché conosce una sola legge, quelle del più forte.

La domanda resta: Bob Swan, col suo faccione sorridente e la pelata amichevole, CEO di Intel Corporation, è a conoscenza di questo marciume?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
LinkedIn
Share
Scroll to Top